I conti… tornano!

A metà novembre il Municipio di Massagno ha licenziato all’attenzione del Consiglio comunale il preventivo 2020 con proposta di abbassamento del moltiplicatore al 77%. Vi presentiamo il documento e il lavoro di preparazione dietro le quinte.

Il Preventivo è il documento più importante del Comune dal punto di vista finanziario, esso definisce il fabbisogno d’imposta, e ne permette il prelievo definendo il moltiplicatore, riassume i progetti previsti da tutta l’Amministrazione, autorizza le spese per l’anno a venire e ne trae le conclusioni finanziarie. In particolare, per il 2020, abbassando il moltiplicatore di 3 punti percentuali, si prevede un disavanzo di gestione corrente che ammonterebbe, se approvato dal Consiglio comunale nella seduta del 16 dicembre, a 742’363 franchi. Gli investimenti netti previsti si attestano invece a 7’140’975 franchi e saranno interamente finanziati dalla liquidità del Comune.

Moltiplicatore

Quanto pianificato dal Municipio ha portato alla scelta di questa riduzione. Inoltre, a seguito dell’utile positivo ottenuto lo scorso anno (+ 2,9 milioni di franchi), l’Esecutivo ritiene opportuno che la popolazione possa beneficiarne grazie anche a un abbassamento del moltiplicatore dall’80% al 77% mantenendo chiaramente tutti i servizi offerti. La situazione economica e finanziaria costruita nel corso del quadriennio permette di ipotizzare questa soluzione che viene ora proposta al Consiglio comunale per la sua decisione. L’assorbimento nelle finanze comunali di 35 milioni di franchi nell’arco di 8 anni legati all’edificazione del complesso scolastico, l’attuale gettito fiscale e l’ammontare del capitale proprio – oltre 10 mio. di franchi – permettono di proporre questa diminuzione con adeguata cognizione di causa e senso di responsabilità, nell’intento di confermarla possibilmente per tutto il prossimo quadriennio. Storicamente Massagno ha infatti avuto un moltiplicatore stabile nel tempo con variazioni oculate e durature, passando da un massimo dell’85% (1994–2002) a un minimo del 72,5% (2006–2012).

Investimenti

Per l’anno prossimo l’ammontare degli investimenti potrebbe raggiungere ancora livelli importanti attestandosi alla cifra netta di fr. 7’140’975. Tra i crediti già votati dal Consiglio comunale citiamo in particolare: la manutenzione del Cinema Lux, del Salone Cosmo e adiacenze esterne; l’incrocio di Via S. Gottardo – Via Tesserete e relative opere di PGS; la quota PTL/PAL e il Consorzio depurazione acque Lugano e dintorni. Nei crediti in esamesegnaliamo i più rilevanti: manutenzion e magazzini ex AEM e casa Via Motta 65a (se AEM SA dovesse spostarsi), sistemazione Ecocentro e magazzino comunale, sistemazione mappali di Gerso dopo acquisizione e campo da calcio sintetico al Centro sportivo Valgersa. I crediti già votati ammontano a complessivi fr. 3’120’075, mentre i crediti in esame potrebbero raggiungere complessivi fr. 4’137’900.

Preventivo 2020

Nel dettaglio illustriamo qui di seguito le cifre finanziariamente rilevanti con il riassunto dei dati, applicando il moltiplicatore al 77%, e le cifre conclusive che seguono:

Fonte Info Massagno – Dicembre 2019

Si segnala inoltre che, nel frattempo, il Cantone è tornato nelle cifre nere anche grazie all’apporto delle finanze comunali. Tuttavia l’iniziativa legislativa dei comuni “Per Comuni forti e vicini al cittadino”, nonostante la sottoscrizione da parte di 64 Consigli comunali, non ha trovato per il momento alcuna evasione. Una giusta presa in considerazione di questa pendenza permetterebbe un miglioramento del risultato d’esercizio dei Comuni.

Il lavoro dietro le quinte

Il documento del preventivo si presenta sotto forma di un messaggio al Consiglio comunale lungo una cinquantina di pagine a cui sono allegate 150 pagine con il dettaglio dei conti. Per poter redigere un documento complesso di questo tipo i Servizi finanziari si basano sull’analisi di 1’200 conti che comprendono moltissime operazioni contabili: circa 30’000 azioni composte ciascuna da 3 o 4 passaggi. Dietro a questo lavoro ci sono 4 persone (in foto da sin.): il responsabile dei Servizi finanziari Raoul Rota, le collaboratrici Manuela Petralli Galeazzi ed Ester Rossi Grigolato, il collaboratore Enrico Conti. Oltre all’analisi dei consuntivi e dello stato dei conti, per redigere il preventivo il responsabile dei Servizi finanziari si occupa di calcolare il fabbisogno d’imposta (totale costi meno i ricavi da cui vengono tolte le entrate derivanti dalle imposte) in base ai progetti previsti, basandosi sulle informazioni ricevute da tutti i Dicasteri e Servizi comunali, valutando e quantificando l’impatto economico di ogni singola voce. La stima del gettito fiscale viene valutata in base all’ultimo conguaglio dei contribuenti attivi, tenendo in considerazione le partenze e gli arrivi effettivi durante l’anno, basate sullo storico dei dati a disposizione e sulla stima di possibili arrivi nel corso dell’anno venturo, dati dalle nuove edificazioni e calcolate per apprezzamento. “Si tratta di un lungo e delicato lavoro di ponderazione che cerca di scattare una fotografia realistica di ciò che accadrà nell’anno a venire, restando coscienti del fatto che tutti i documenti contabili sono statici mentre la realtà è un film in movimento” conclude il responsabile dei Servizi finanziari, che da anni garantisce, con il suo staff, un lavoro di qualità, reso possibile da una gestione finanziaria solida e oculata garantita dal Municipio.

da Info Massagno – Dicembre 2019

0 Condivisioni

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*